IL DAIKON: BRUCIA GRASSI NATURALE

daikon-0Ultimamente sui banchi ortofrutta Italiani sta cominciando a comparire il Daikon, una radice commestibile che nell’Estremo Oriente è conosciuta sin dall’antichità. Chiamato anche ravanello bianco o ravanello giapponese, il Daikon merita tutta la nostra attenzione perché ricco di virtù. Scopriamole insieme.

Continua a leggere

Annunci

ASPARAGI: UN CONCENTRATO DI VIRTU’

asparagiGli asparagi appartengono alla famiglia delle Liliaceae, come l’aglio e la cipolla, ma possiedono in più la clorofilla, da cui prendono la caratteristica colorazione verde, oltre a molte proprietà nutrienti per l’organismo. Sono composti per il 90% da acqua, sono ipocalorici (24 kcal/100 gr), pertanto molto utilizzati nelle diete. Grazie alla presenza di purine, che in seguito alla loro scissione originano acido urico, gli asparagi riducono il ristagno dei liquidi, quindi sono ottimi diuretici e depurativi.
Queste proprietà diuretiche, dovute al rapporto potassio/azoto e all’asparagina, apportano beneficio all’intestino (avendo un alto contenuto di fibra aiutano nei casi di stitichezza e regolarizzano il transito intestinale), al fegato, ai reni, ai polmoni e alla pelle. Gli asparagi, inoltre, essendo un alimento alcalinizzante, vanno a creare l’equilibrio acido/basico del sangue e della linfa, e contenendo rutina, rinforzano la parete dei vasi sanguigni.
Utilizzato spesso nella medicina popolare non solo come drenante renale ma anche epatico e bronchiale, l’asparago è indicato anche nel trattamento antinfiammatorio della milza.
Un altro importante elemento di forza degli asparagi è la ricchezza di antiossidanti (sopratutto sulle punte) che permettono di rimuovere i radicali liberi nocivi, offrendo un’azione antinvecchiamento. Da non sottovalutare il contenuto significativo di vitamine e dell’acido folico (indispensabile in gravidanza per ridurre la possibilità di malformazioni come la spina bifida). Tra le vitamine troviamo la B9, per la produzione e al rinnovamento cellulare e la vitamina A che ha un effetto benefico sui reni e la pelle.
Ricordiamo, inoltre, la presenza in questo alimento di 2 saponine (protodioscina e protodiogerina) che hanno un forte potere inibente nella proliferazione delle cellule tumorali nel colon.

Continua a leggere

Dimagrire eliminando le calorie “inutili”

dimagUno dei principali motivi per cui si ingrassa senza rendersene conto è la scarsa consapevolezza di quali siano le calorie che si possono facilmente evitare, o da cui è bene stare alla larga, cioè le cosiddette “calorie inutili”.
Le “calorie inutili” sono, invece, quelle fornite da alimenti che apportano anche altri elementi nutritivi, ma che potrebbero anche non essere assunti.
In altre parole, con un po’ di attenzione e soprattutto di consapevolezza in più, potremmo evitare di assumerne, dal momento che sono destinate soltanto a farci ingrassare.
Condire gli alimenti versando l’olio “ad occhio”,concedersi una bibita gassata in più,dire di sì al cioccolatino a metà pomeriggio, etc… sono solo esempi di come si possano introdurre facilmente calorie in eccesso, calorie che difficilmente bruceremo nel corso della giornata e che, quindi, si trasformeranno in grasso corporeo.

continua la lettura QUI’

FRUTTA E VERDURA DI STAGIONE: PERCHE’ CONVENGONO

Verdura-e-frutta-di-stagione-300x225 Scegliere frutta e verdura di stagione ha numerosi vantaggi, per la nostra salute e per il territorio.Vediamo insieme quali sono gli aspetti positivi:
1 – Mangiare di stagione vuol dire mangiare gustoso, saporito, profumato: Scegliendo verdure fresche e raccolte secondo la loro maturazione naturale assicuri al tuo palato il gusto unico dell’alimento. Perché non vale lo stesso fuori stagione? Perché, anche se di stagione in un altro paese o continente, gli alimenti che porterai sul tavolo fuori stagione sul territorio dove vivi, avranno probabilmente viaggiato per giorni oppure saranno state conservate a lungo in celle frigo.
2 – Mangiare di stagione vuol dire “salute” perché le verdure non hanno bisogno di “trucchi” per crescere, soprattutto se scegli prodotti da agricoltura biologica. Inoltre, cambiare i cibi in tavola secondo le stagioni vuol dire diversificare in automatico l’apporto di vitamine, sali minerali e altri nutrienti di cui il tuo organismo ha bisogno.
Dal punto di vista nutrizionale l’elemento cardine è il contenuto in vitamine e sali minerali, molto elevato nelle frutta e verdure che arrivano naturalmente a maturazione e vengono a breve consumate. I prodotti di serra invece presentano mediamente un contenuto vitaminico inferiore, in particolare per quanto attiene alla vitamina C e al β-carotene, che subiscono una irradiazione solare scarsa o perché, per aumentare la durata di conservazione, vengono raccolti prima della completa maturazione. Con il passare dei giorni, delle settimane o anche dei mesi (si pensi che le mele possono essere conservate per 1 intero anno) avviene una graduale degradazione delle vitamine, amplificata dall’esposizione alla luce e dalle temperature più elevate. La vitamina C, la più labile tra tutte, nelle mele conservate in casa per 2 mesi si riduce di 2/3 e scompare completamente nella verdura conservata per qualche giorno a temperatura ambiente (gli ortaggi surgelati hanno un calo di vitamina C circa del 20-30%, le verdure in scatola, subiscono un calo dell’80%) la vitamina A si riduce del 35%, più stabili invece le vitamine del gruppo B e la vitamina E.

3 – Mangiare di stagione significa “risparmiare”: Avere a disposizione ogni tipo di frutta e verdura in ogni mese dell’anno implica una disponibilità infinita che pero’ vuol dire sostenere costi maggiori che verranno inevitabilmente inclusi nel prezzo finale.
Oltretutto questa produzione fuori stagione non apporta solo maggiori costi economici ma anche – e soprattutto – ambientali: i tir frigoriferi che attraversano l’Europa con dei frutti esotici, la produzione in serre riscaldate mentre fuori magari si gela etc,  sono tutte attività energivore che consumano in definitiva benzina (combustibili fossili) e aria
pulita.

QUALI SONO GLI ORTAGGI E LA FRUTTA DI STAGIONE

Di seguito il calendario riassuntivo molto util, da stampare e conservare a portata di mano o di “occhio” che è meglio 🙂

calendario frutta e verdura di stagione

al questo link per visualizzare l’immagine ingrandita: http://cucinarelowcost.altervista.org/alterpages/files/TABELLAFRUTTAVERDURA.jpg

BIOgiornata a tutti!!

TIPI DI MIELE E PROPRIETA’

miele 2Le proprietà del MIELE sono ormai ben note, ma sapevate che differiscono a seconda del fiore utilizzato? No? Allora, scopriamo insieme quali sono i tipi di miele e le loro specifiche proprietà:

MIELE di MILLEFIORI

Ottimo nella preparazione di tisane e dolci. Considerando le diverse varietà dei fiori è il miele più completo per ogni occasione.

MIELE di EUCALIPTO

E’ in grado di esercitare un azione antisettica a livello dell’apparato respiratorio e dell’intestino. Quindi è consigliabile per le affezioni delle vie respiratorie, in particolare nei casi di bronchite. Calma la tosse, agisce favorevolmente nel caso di CISTITI e DERMATITI. Particolarmente adatto come decongestionante per fumatori.

MIELE di MELATA DI BOSCO

Ricco di sali minerali, tonificante, eùnergetico, rinvigorente, ottimo per chi brucia molte calorie come gli sportivi e i lavoratori balsamico, espettorante, raccomandato in caso di tosse, stimolante nei casi di STANCHEZZA e affaticamento SESSUALE.

MIELE di ERICA

Diuretico, ricostituente, ANTIANEMICO, antisettico renale e DISINFETTANTE DELLE VIE URINARIE.

MIELE di CASTAGNO

Ricco di sali minerali, favorisce la CIRCOLAZIONE sanguigna indicato sopratutto per chi ha problemi CARDIOVASCOLARI. Disinfetta le vie urinarie, leggermente astringente ANTIMICROBICO.

MIELE di ACACIA

Il sapore delicato lo rende adatto per i bambini (non prima dell’anno di età), corroborante, disintossicante del FEGATO, regolatore dell’intestino ANTINFIAMMATORIO delle vie aeree.

MIELE in FAVO

Si presenta come da origine, ovvero un agglomerato di cera, miele, polline e propoli. Masticandolo, come facevano gli antichi egizi, se ne ottengono le virtù terapeutiche in esso contenute, è raccomandato contro le affezioni delle vie respiratorie in particolare per le SINUSITI e per FORTIFICARE le GENGIVE.

IL SEDANO. UN PREZIOSO ALLEATO PER LA NOSTRA SALUTE

sedanoIl Sedano è una pianta originaria dell’Europa; utilizzata per secoli come pianta medicinale viene oggi coltivata e consumata in insalata in tutto il mondo. Il Sedano è ricco di sali minerali tra cui sodio e cloro, oligoelementi, amminoacidi essenziali e vitamine (C, B6 e K). Di queste vitamine, il sedano è una fonte eccellente di vitamina K (oltre alla C e alla B6). Questa vitamina è necessaria per la produzione delle proteine coinvolte nella coagulazione del sangue (sia per la stimolazione che per l’inibizione della coagulazione del sangue), per questo anche grazie all’assenza di calorie e all’abbondanza di fibre, il succo di sedano viene utilizzato per scopi medicinali per la purificazione del sangue.

LE PROPRIETA’

Le fibre di cui il sedano è ricco, aiutano a ridurre trigliceridi e colesterolo; la sedanina, una sostanza aromatica stimolante e altre molecole (fenolo, mannite, inositolo) ne potenziano le capacità digestive e di assorbimento dei gas nell’apparato digerente. Mentre dei particolari fitonutrienti, permettono di controllare gli ormoni che regolano la pressione del sangue e lo rendono adatto nel trattamento di molti casi di ipertensione. Consumato crudo, fresco o in succo (anche sotto forma di centrifugato) questo ortaggio contrasta la ritenzione idrica grazie al suo alto potere diuretico.

Continua a leggere

LO ZAFFERANO CONTRO ANSIA E STRESS

zafferanoLo zafferano, la spezia regina dei risotti, ha molte proprietà benefiche per la salute e per il benessere: è infatti utile per placare l’ansia, tutto merito dei carotenoidi (conferma la scienza). In India, dove lo zafferano è ampiamente usato, la medicina ayurvedica lo considera una sostanza a metà strada tra alimento e farmaco; anche la cromoterapia usa lo zafferano nelle situazioni di stress psicofisico: il colore giallo è da sempre sinonimo di benessere e buonumore. Lo zafferano è quindi un vero toccasana per molti disturbi legati allo stile di vita moderno come: ansia, stress, depressione. Tutte le sue proprietà si concentrano negli stimmi color rosso, quelli che polverizzati si usano anche in cucina. Questi filamenti intorno alla corolla contengono circa 150 sostanze, di cui 4 particolarmente attive: crocetina, crocina, picrocrocina e safranale (tutte appartenenti alla famiglia dei carotenoidi).

Continua a leggere

FUNGHI: PREPARARSI A RICONOSCERE I COMMESTIBILI DAI TOSSICI

FUNGHI Settembre è il periodo migliore per i cercatori di funghi; è difatti il mese in cui il giusto mix di caldo e pioggia permette a questi deliziosi organismi di svilupparsi. Il modo giusto per raccogliere i funghi, si apprende frequentando i corsi offerti dai comuni d’Italia per acquisire il necessario”patentino” (per le normative nelle varie regioni Italiane clicca qui’)  perché non dobbiamo dimenticare che in Italia, ogni anno, si registrano numerosi casi di intossicazioni e avvelenamenti da funghi. Le cause più comuni sono il consumo di funghi commestibili avariati o poco cotti, in quantità eccessiva, intolleranze individuali, ma soprattutto il confondere funghi mangerecci con sosia velenosi capaci di trarre in inganno con la loro somiglianza, chi ancora con superficialità e presunzione, raccoglie funghi senza una adeguata conoscenza scientifica, unico mezzo per potere riconoscere con sicurezza un fungo e cucinarlo con tranquillità. Improvvisarsi raccoglitori non conviene a nessuno perciò se non si ha acquisita e provata padronanza è NECESSARIO farli controllare dai veri esperti micologi.

Continua a leggere

Effetti collaterali degli alimenti: i cibi causa di intolleranze e allergie.

intolleranzeLe prime cose che notiamo di un piatto che attira la nostra attenzione sono l’odore, il sapore, i suoi colori. Chi invece è a dieta guarderà senz’altro la dimensione delle porzioni, peserà i grammi, conterà le calorie, valuterà i grassi, gli zuccheri etc…

Non tutti sanno che il cibo che mangiamo non è solo buono, saporito, grasso o alto, ma può causare degli effetti collaterali, in qualche caso. E non parliamo di alimenti di scarsa. Alcuni cibi possono causare effetti collaterali anche gravi!

Continua a leggere