IPOCONDRIA – LE CURE NATURALI

ipocondriaci2Il termine ipocondria deriva dall’antica parola Hypocondrium, che vuol dire “al di sotto delle coste”, e viene collegata al sintomo di dolore addominale che molti soggetti colpiti da questo disturbo manifestano. Ciò che differenzia l’ipocondria dal normale timore di essere affetti da qualcosa di grave è il modo in cui la paura si manifesta: non sporadica bensì sistematica e prolungata, accompagnata da un’insistenza che diviene per lo più ossessionante.

Continua a leggere

MELISSA

melissaMELISSA – Proprietà e Controindicazioni

Le proprietà della melissa sono soprattutto quelle calmanti e sedative. Ecco perché è indicata in caso di ansia, di irritabilità, di insonnia determinata da una stanchezza eccessiva, di nervosismo e di tachicardia. E’ in grado di agire anche contro il mal di testa causato da un accumulo di tensione nervosa.

E’ stato dimostrato che tutto ciò è dovuto principalmente all’azione di alcuni flavonoidi, i quali svolgerebbero un’attività del tutto simile a quella portata avanti dalle benzodiazepine, noti farmaci ansiolitici, legandosi a specifici recettori presenti nel cervello.

Le foglie abbondano di olio essenziale, che è utile contro le somatizzazioni ansiose che interessano l’apparato gastroenterico: nausea, disturbi della digestione, crampi addominali e colite.

L’estratto di foglie di melissa, assunto anche in gocce, riesce a svolgere una funzione antivirale: merito degli acidi polifenolici e polisaccaridi, che combattono l’herpes simplex.

Per risentire degli effetti benefici, andrebbero somministrati sei cucchiaini al giorno di acqua di melissa. Per una tisana la dose consigliata è pari a 5 grammi al giorno; l’infuso dovrebbe essere bevuto distribuito nel corso della giornata.

Le controindicazioni

Il dosaggio va comunque valutato bene, in modo che possa essere personalizzato ed evitare eventuali effetti collaterali. Fra questi è possibile riscontrare un risultato opposto a quello calmante, con ansia e agitazione.

Inoltre è importante tenere presente che gli estratti di questa pianta non si dovrebbero usare se il soggetto presenta dei disturbi della tiroide, come l’ipotiroidismo, e se segue una cura a base di ormoni tiroidei, perché si potrebbero verificare fenomeni di interferenza.

L’olio essenziale è sconsigliato, a scopo preventivo, in coloro che sono affetti da glaucoma, perché alcuni studi svolti a questo proposito hanno messo in evidenza che si potrebbe andare incontro ad un aumento della pressione endoculare.

Sorgente: www.tantasalute.it